CHI SIAMO

Re Mind Filiera Immobiliare è un’associazione che contribuisce allo sviluppo e alla messa in sicurezza della popolazione, degli investimenti, dei territori, delle città, delle coste, degli immobili e dei relativi impianti.

È composta da imprese, casse di previdenza e organismi che raccolgono operatori di grande, media e piccola dimensione dei settori infrastrutture, finanza, manifattura, servizi immobiliari, turismo.

È integrativa alle realtà presenti nel panorama sociale e coinvolge i singoli attori nel condividere una visione di sistema tralasciando ottiche parziali e settoriali.

Promuove la conoscenza, l’applicazione e la diffusione delle buone pratiche internazionali globali.

Pone al centro il benessere delle persone, consapevole che le infrastrutture (aeroporti, interporti, porti) e l’immobiliare sono il centro della famiglia (casa), del lavoro (uffici e stabilimenti industriali), del commercio (negozi, centri commerciali), del turismo (alberghi, terme), dello sport (stadi, infrastrutture sportive), della salute (ospedali), della sicurezza (questure, carceri), della cultura (musei, teatri, cinema), della ricerca (università, fondazioni, centri di ricerca, scuole).

Favorisce il confronto fra le forze politiche di governo e opposizione, le istituzioni estere, nazionali e locali e gli operatori della filiera immobiliare, nel rispetto dell’interesse pubblico e dei valori quali la trasparenza, l’inclusione sociale e la massimizzazione e garanzia del valore prodotto al minimo impatto ambientale, sociale ed economico, secondo logiche di sostenibilità energetico-ambientale (decarbonizzazione, circular economy, sharing economy, wellbeing) anche alla luce delle strategie di green procurement e di green public procurement, con particolare riferimento ai CAM (Criteri Ambientali Minimi).

Diffonde la conoscenza dei principali processi di green building mediante i protocolli energetico-ambientali, rating system, nazionali e internazionali (tenuto conto ad esempio che Milano è la seconda città in Europa per numero di edifici che li applicano e che Roma sta crescendo velocemente), e di green products per le forniture di materiali, prodotti e sistemi sostenibili, innovativi e ad alto valore tecnologico.

Sostiene il rispetto dei valori culturali e della tradizione dei territori e dell’immenso potenziale rappresentato dagli edifici con valenza storico-testimoniale e dai borghi storici.

Attiva protocolli e convenzioni (assicurative etc.) e propone desk dedicati all’accesso ai fondi europei, nazionali e locali oltre che al credito.

Stimola l’attenzione ai temi di social impact e l’adozione dei criteri ESG per la realizzazione degli investimenti.

Promuove la nascita di start up innovative al servizio della filiera.

Collabora alla elaborazione e supporta l’adozione delle best practice per la fruizione degli spazi e la gestione delle risorse umane in ottica di confronto con le problematiche legate al benessere e alla salubrità, anche in relazione alla recente pandemia da Covid-19.

È attenta alla universalità (universal design) e alla accessibilità degli immobili.

Intende dare priorità alla cultura, portarla all’attenzione della politica al fine di individuare e attuare azioni capaci di produrre sviluppo economico.

Si muove su quattro direttrici principali: conoscere, informare, formare, riformare.

 Organizza conferenze, dibattiti, eventi, iniziative, seminari, think tank, studi, manifestazioni culturali, mostre, esposizioni, spettacoli, concerti, incontri finalizzati a migliorare la conoscenza e favorire la crescita dei settori della filiera immobiliare.

I think tank recepiscono le esigenze e i temi condivisi diventano progetti attraverso la creazione di gruppi di lavoro per gli approfondimenti e il raggiungimento degli obiettivi.

Le attività vedono la partecipazione di imprenditori, manager e professionisti e delle istituzioni.